Anche Calci ospiterà migranti

Calci
Martedì, 25 Luglio 2017

Il Comune di Calci era uno dei pochi comuni della Provincia di Pisa a non ospitare cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale.

La stessa Amministrazione Comunale aveva già riferito alla Prefettura di non avere alloggi disponibili per questo tipo di emergenze e i pochi a disposizione li impegnava per le varie emergenze abitative del territorio.

Adesso una Cooperativa operante a Calci ha preso parte al bando indetto dalla stessa Prefettura e stipulato una convenzione  che prevede l'arrivo di 7 migranti che saranno alloggiati in Località Cappetta.

Di seguito il comunicato integrale del Sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti.

 

Il nostro Paese, si trova a fronteggiare quotidianamente l’emergenza umanitaria, sociale ed economica legata agli sbarchi di migranti sulle coste meridionali della Penisola. I trattati internazionali dispongono normative chiare sui comportamenti da tenere e sugli iter procedurali da seguire nei confronti dei cittadini che richiedono protezione internazionale.

L’istituzione che segue e coordina tutte le operazioni sui territori è la Prefettura che ogni anno emana un bando pubblico per l'individuazione di strutture idonee ad accogliere cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale e  per l' individuazione di più operatori economici e sociali ai quali affidare il servizio di prima accoglienza.

Ogni Comune ha una quota preassegnata da accogliere per evitare la creazione di grandi concentramenti e favorire la cosiddetta accoglienza diffusa.

Al momento Calci non ospitava nel proprio territorio alcun richiedente protezione internazionale visto che gli immobili di privati a ciò dedicati erano venuti a mancare. Il Comune aveva inoltre comunicato alla Prefettura di non avere spazi pubblici disponibili e che anche altri alloggi nella disponibilità dell’Ente sono tutti impegnati per le emergenze abitative di nostri concittadini.

La cooperativa sociale ODISSEA, che fa parte di tale consorzio,si è candidata al bando della prefettura e ha stipulato con essa una convenzione per l’accoglienza di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale. Pertanto Odissea, in qualità di soggetto gestore, risponderà direttamente alla Prefettura di Pisa per quanto riguarda la tipologia del progetto di ospitalità e tutti i procedimenti riferiti all’accoglienza e al riconoscimento dello status di protezione internazionale. Inoltre Odissea sosterrà tutte le spese necessarie che saranno restituite, entro limiti stabiliti e sulla base della effettiva rendicontazione, esclusivamente da parte dello Stato.

Il Comune, benché non sia coinvolto né economicamente né da atti diretti col gestore dell’accoglienza, ha richiesto alla Cooperativa di essere informato circa il progetto di reale integrazione previsto per queste persone e di individuare alcuni servizi coinvolgendo le associazioni del territorio.

Odissea, data la consolidata esperienza ha fornito garanzie in merito, assicurando che impiegherà queste persone in attività socialmente utili, sia per se stessi che per la comunità che li ospita.

Nei prossimi giorni, quindi, entro la fine di luglio,  7 cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale raggiungeranno il suddetto alloggio in Calci -zona Cappetta- e vi resteranno per la durata dell’iter di riconoscimento dello status richiesto.

La nostra comunità ha già accolto fino a pochi mesi fa alcune persone richiedenti protezione internazionale e l’esperienza è stata positiva.

Infatti sono nate delle buone relazioni e alcuni concittadini sono rimasti in contatto con i ragazzi, nonostante siano usciti dal nostro territorio.

Ciò è segno di una comunità che ha a cuore le persone ed è capace di farsi solidale di fronte alla sofferenza umana.

Per questi motivi e forti della buona collaborazione tra enti e associazioni siamo certi che anche in questa occasione la nostra Comunità saprà distinguersi altrettanto positivamente nell’accoglienza di queste persone.

 

Massimiliano Ghimenti

Sindaco di Calci

 

 

luca.doni