Calci, partita la richiesta di finanziamento per consolidare il territorio

Calci
Mercoledì, 20 Giugno 2018

Il Comune di Calci ha fatto richiesta alla Regione Toscana, di un finanziamento per il Consolidamento suoli in aree a movimenti franosi a valere sul DODS (documento operativo per la difesa del suolo) 2018 per la realizzazione di opere di consolidamento in Loc. San Martino di Montemagno di Calci.

Con deliberazione GR n° 157/2007 era stato concesso un finanziamento per indagini e monitoraggi propedeutici alla progettazione di interventi di consolidamento di un movimento franoso in loc. Montemagno; e ad indagini, che si sono concluse nel 2010,  era stato redatto un progetto preliminare che prevedeva una serie di opere, sia strutturali che di ripristino idraulico complessivo di area, per consolidare e arrestare il movimento franoso; Il suddetto progetto congiuntamente alle risultanze delle indagini geologiche, era stato trasmesso alla Regione Toscana in data 26-4-2011 con la richiesta di finanziamento, e fu  inserito nella graduatoria con decreto dirigenziale n° 6216 del 21-12-2011 tra gli interventi considerati ammissibili ma al momento non ancora rientranti nel piano di finanziamento; Per la sicurezza delle popolazioni nel 2012 è stato redatto e trasmesso alla provincia di Pisa un piano stralcio di protezione civile approvato con Del. GM n.° 103 con  le modalità di soccorso alle popolazioni potenzialmente coinvolte ad un’eventuale movimento del versante franoso;

  • Riscontrata necessità di addivenire ad un progetto esecutivo di lavori  di consolidamento della parte di versante più a rischio, nell’anno 2016,  è stato richiesto e  ottenuto , nell’ambito del DODS (documento operativo per la difesa del suolo) 2017 un finanziamento di € 35.000,00 che ha consentito la redazione della progettazione esecutiva propedeutica alla richiesta di finanziamento per la realizzazione dei lavori;
  • Considerato che il Genio Civile regionale, con nota n. AOOGRT/550145 del 16/11/2017 ha condiviso i contenuti del medesimo progetto, anche in termini di coerenza con le disposizioni del DODS;
  • Considerato l’importo, la tipologia tecnica necessaria alla realizzazione dell’intervento e le indicazioni dell’Autorità di bacino circa l’urgenza delle opere di regimazione idraulica, il progetto è stato suddiviso in due lotti funzionali rispettivamente di € 323.678,68 e € 507.921,32  per un importo totale lordo  di € 831.600,00 per la realizzazione delle  opere di consolidamento in Loc. San Martino di Montemagno di Calci, sovrastante l’abitato di via di Venezia di Montemagno, necessarie alla messa in sicurezza dell’area  che risulta classificata PF4 (area di pericolosità idraulica elevata);

Allo scopo è stato quindi trasmesso il progetto esecutivo con allegato  il parere dell’autorità di bacino , il nulla osta ai sensi del vincolo idrogeologico,  e la delibera n° 46 del 15-3-2018  di approvazione  nei due lotti funzionali nonché le schede per richiesta finanziamenti DODS; Complessivamente pertanto abbiamo chiesto alla Regione un finanziamento pari a € 831.600,00 suddiviso in due lotti funzionali rispettivamente  € 323.678,68 e € 507.921,32  comprensivi di IVA e somme a disposizione.

Il progetto prevede un primo lotto con tutte le opere di regimazione idraulica della zona, ivi compresa la realizzazione di canale di raccolta delle acque piovane su strada onde evitarne l’arrivo al paese e comunque i fenomeni erosivi oltre alla realizzazione di micro palature interrate per il consolidamento statico del versante. Il secondo lotto invece prevede ulteriori opere di maggior dimensione sempre legate al consolidamento dei versanti. Tuttavia, viste le indicazioni del genio civile e dell’autorità di bacino già col primo lotto si ottiene una forte attenuazione dei rischi nella zona.

Il Comune di Calci precisa inoltre che l’iter di richiedere il finanziamento all’interno del DODS (documento operativo per la difesa del suolo) è lo stesso seguito con successo sia per far finanziare dalla Regione i lavori di consolidamento in Località san Lorenzo (inaugurati a Marzo scorso) sia per far finanziare la realizzazione della progettazione esecutiva proprio per Montemagno.

Con questa ulteriore richiesta, che speriamo possa essere accolta dalla Regione, il Comune va a cercare di intervenire in un’altra delle zone di massima criticità idraulica ed idrogeologica del territorio. Commenta così il Sindaco, Massimiliano Ghimenti: “Era una delle nostre priorità assolute combattere il dissesto idraulico ed idrogeologico. E stiamo lavorando sodo, insieme anche agli altri enti competenti, per attenuare i rischi sul territorio. In 4 anni di amministrazione sono stati ricavati tutti i fossi in uscita dal paese, per riportare all’originaria portata, inoltre sono stati realizzati interventi consistenti in diverse aree a rischio: Località Boldrino e area boschiva Montemagno (per complessivi 452.000 euro), San Lorenzo (327.000 euro), Rio della Tana La gabella (50.000 euro) oltre alla annuale convenzione col Consorzio per 60.000 euro di interventi straordinari sia nel 2017 che nel 2018. Tutte risorse attinte all’esterno dell’Ente e spese sul nostro territorio. Un risultato importantissimo. Adesso aspettiamo con fiducia buone nuove dalla Regione per partire coi lavori in San Martino, con la consapevolezza di aver dimostrato capacità di spesa e affidabilità proprio coi lavori in San Lorenzo”.

 

massimo.corsini