Cascina: "Giunta assente e Comune fermo da un mese e mezzo", comunicato del PD

AllegatoDimensione
PDF icon odgconsigliocomunale250618.pdf1.12 MB
Cascina
Sabato, 23 Giugno 2018

Con una nota il Partito Democratico di Cascina mette sotto accusa il "nomadismo" della giunta Ceccardi, troppo presa nell'ultimo mese e mezzo dalle "campagne elettorali sparse per l'Italia" e poco attenta a governare.

I democratici, in vista della prossima seduta del 25 giugno (leggi l'ordine del giorno in allegato pdf), ricordano anche che il consiglio comunale di Cascina non si riunisce dal 7 maggio scorso.

 

Questo di seguito il comunicato integrale del Pd.

Siamo lieti di poter festeggiare il ritorno all’attività amministrativa. A Cascina lunedì potremo infatti tornare a parlare del nostro territorio, dopo oltre un mese e mezzo di stop.

L’ultima seduta del consiglio comunale risale al 7 maggio, ma va detto che la giunta non ha contribuito granché neppure all’appuntamento consiliare di lunedì.

L’ordine del giorno del consiglio del 25 giugno è composto in gran parte dalle interrogazioni alla giunta presentate dalle minoranze.

Ci sarebbe da chiedersi quali siano le ragioni di questa pausa se non risultassero piuttosto evidenti: sindaca e assessori sono stati impegnati nelle campagne elettorali sparse per l’Italia.

Per gli amministratori cascinesi si è trattato di un mese e mezzo di nomadismo politico: hanno lasciato Cascina per montare il loro campo in vari Comuni d’Italia e dare le carte agli elettori di quelle zone.

Questa attività sarebbe del tutto legittima, se non avesse rallentato e talvolta fermato l’attività amministrativa del nostro Comune (senza però fermare la corresponsione dei compensi agli amministratori).

Fonte Ufficio stampa Partito Democratico Cascina

redazione.cascinanotizie