Con il Memorial Vitillo, torna a Cascina il Pugilato

Casciavola
Martedì, 24 Aprile 2018

Dieci incontri con i giovani atleti della Pugilistica cascinese Cheich Ibra ‘Ibu’ Kebe, fresco vincitore del torneo Nepi 2018 per la categoria senior 81 kg, Manuel Bracaloni, Alessio Battaglia, Andrea Bellomo, Luca Ciccola, Sandro Cecchini, Diego Guidi, Francesco Massai, Nicola Nunes e altrettanti avversari provenienti da tutta la Toscana per riportare la “nobile arte” a Pisa: sabato 5 maggio a partire dalle 21 al Circolo scherma Navacchio di Casciavola  in via Guelfi 149, il ricordo di Giovanni Vitillo sarà celebrato sul ring, dove lui stesso amava battersi. Durante la serata organizzata con il patrocinio del Comune di Cascina, la consegna di premi e targhe commemorative alla presenza della moglie e del figlio.

Venti vittorie di cui dieci per ko, Vitillo nel 1981 fu campione italiano nella categoria pesi leggeri. La manifestazione organizzata dalla società cascinese vuole ricordarlo attraverso uno sport che troppo spesso viene ingiustamente ritenuto violento: “Vogliamo far conoscere questa antica arte, una disciplina fatta di valori e principi. Uno sport dall’aspetto individuale, ma rispettoso dell’avversario” affermano gli organizzatori. “In un momento storico dominato dalla paura del ‘diverso’, la cascinese come società sportiva è un punto fermo per situazioni di disagio personale o sociale. Accogliamo nella nostra palestra chiunque abbia bisogno di una valvola di sfogo, affrontando insieme i problemi e dando una mano ai nostri ragazzi, fermi restando i valori del rispetto e della lealtà”.

“Speriamo che questo memorial dedicato a Vitillo, figura storica dello sport cascinese che ha reso importante con le sue gesta il nostro Comune, la nostra gente, la nostra società come atleta e come dirigente, sia il primo di una lunga serie” afferma il tecnico Maurizio Felloni, "Don King" della Pugilistica cascinese. “Vogliamo consolidare l’evento annualmente, per riportare la boxe nel nostro territorio. Troppo spesso siamo costretti a lottare fuori casa, in particolar modo a Firenze. Il pugilato deve tornare a Pisa.

Fondata nel 1954 da Alfiero Conti, ex atleta ed insegnante, la Pugilistica cascinese è attualmente gestita da un consiglio di 5 componenti e 5 tecnici e conta ad oggi 9 pugili agonisti e una ventina di atleti tra gli amatori.

 

redazione.cascinanotizie