Giochi rotti ed immondizia, ecco il parco giochi di Musigliano (fotogallery)

Musigliano
Giovedì, 6 Luglio 2017

Il parco giochi a Musigliano versa in gravi condizioni di degrado. Lo apprendiamo dalla segnalazione fattaci da un nostro lettore che sottolinea come sia impossibile poterci portare i bambini a giocare, tanto cha la scorsa domenica (2 luglio) si è visto costretto a riportarle a casa in quanto il parco era disseminato di immondizia ed i giochi rotti ed arrugginiti.

Prosegue la email del nostro lettore: “Come potete ben vedere dalle foto che allego (e che trovata alla sinistra di questo articolo, ndr), il parco è nel più totale abbandono, rifiuti ovunque, recinzione in legno e protezione per lo scivolo distrutte da un branco di "teppisti" (tutti italiani!!!!) che bivacca nelle ore serali e notturne dentro il parco giochi.

Capisco che con tanti problemi quello del parco giochi di Musigliano sia l'ultimo dei problemi del Comune di Cascina, e capisco anche che se un branco di teppisti sporca e distrugge non è colpa del Comune, ma come cittadino ho il dovere di segnalare lo stato in cui versa la periferia del comune e soprattutto ho il diritto di poter portare le mie bambine a giocare all'aperto!!!!!

Personalmente ho già informato il Sindaco e il Vicesindaco, da cui ho ricevuto soltanto una "timida" risposta che era stato avvisato il responsabile dell'ufficio manutenzione, ma ad oggi la situazione è sempre la stessa se non peggiorata.

L'unico intervento che è stato fatto è quello di ricoprire dei fili che fuoriuscivano da un lampione della luce, intervento fatto alla carlona con un coperchio in plastica e del nastro adesivo, per il resto tutto è immutato e non ho ricevuto alcuna rassicurazione da parte dell'amministrazione comunale, che forse è troppo impegnata a dare la caccia agli "zingari".

Ricordo che durante la campagna elettorale il piazzale era lindo e pulito e il gazebo sia del PD che della Lega, stazionavano in piazza Deledda promettendo ordine e pulizia, mi chiedo allora " forse bisognerà aspettare le prossime elezioni?", ma forse basterebbe soltanto pensare che oltre al corso principale di Cascina esiste anche "l’umile" periferia”.

massimo.corsini