Olivia Picchi: «solidarietà a Danti, le parole di Ziello non rientrano nella normale dialettica»

PISA e Provincia
Martedì, 6 Novembre 2018

Non finisce con la multa comminata all'ex assessore Dario Danti reo di essersi seduto sui gradini della chiesa di Piazza dei Cavalieri, la polemica sull'ordinanza cosiddetta anti-degrado. Nel dibattito interviene la consigliera del Partito Democratico Olivia Picchi: «la dichiarazione dell'onorevole Ziello va al di là del battibecco sui social. Sminuire certi atteggiamenti significa in qualche modo avallarli o peggio farli passare come "normali».

«Quello che ha detto Ziello non è normale, prosegue Picchi, non attiene a nessun dibattito civile meno che mai quando a farlo è un uomo di potere, perché quando a fare certi discorsi è un parlamentare che minaccia un cittadino che "dissente", allora la questione riguarda la libertà e la democrazia. Potete continuare a commentare (come leggo nei commenti al post dell'articolo) "e allora il Pd", il punto vero è che se ci fosse un popolo "normale" ci dovrebbe essere un'indignazione popolare da ogni parte politica e da ogni cittadino che si meriti questo nome».

«No non c'è niente di normale in tutto questo, conclude Olivia Picchi. La mia vicinanza a Dario Danti, così come l'ho espressa all'assessore Dringoli quando è stato vittima della stessa violenza verbale da parte dello stesso soggetto. La Lega e il Sindaco per primo dovrebbero prendere le distanze se volessero essere un minimo credibili».

massimo.corsini