PD Cascina: la giunta complica la vita dei cascinesi

Cascina
Martedì, 7 Agosto 2018

Continuano le polemiche scaturite dal nuvo modello di raccolta differenziata dei rifiuti a cascina, torna sull'argomento il PD cascinese con un comunicato che pubblichiamo.

La raccolta differenziata è necessaria per migliorare l'ambiente oggi e per il futuro, ma gli amministratori comunali leghisti sembrano solo voler complicare la vita dei cascinesi.

È stato abolito il terzo passaggio estivo per il ritiro dell'organico, spiegando che è una pratica per le sole località turistiche. È falso, dato che in estate nei comuni limitrofi l’organico viene ritirato tre volte. Molti hanno già testato il nuovo sacchetto per l'organico. I nuovi sacchetti in carta dovrebbero far traspirare i rifiuti organici e limitare gli odori, ma stanno creando forti disagi dovuti alla minore resistenza della carta. Chi vuole può usare i sacchetti biodegradabili compostabili ed usarli (comprandoseli).

La "taggatura" dei mastelli per l'indifferenziata ci è costata  48.226,60 euro. Era così indispensabile spendere tutti questi soldi? Forse no. Cascina aveva già un 71,23% di raccolta differenziata, dato sempre in crescita negli ultimi anni. In un primo momento sembrava che la consegna dei talloncini identificativi avvenisse per "posta certa", in realtà li abbiamo trovati semplicemente nella cassetta della posta. Quanti ne andranno persi?

A partire dal 10 agosto il mastello grigio dovrà quindi essere “taggato” e ogni ritiro verrà conteggiato. Per la fine del 2018 nessun problema: possibili 20 ritiri per 21 settimane senza aumenti di tariffa. Dal 2019 si va a regime con la tariffa puntuale per l'indifferenziata: 40 ritiri all'anno. Se si supera il limite, si paga di più. E tutto dentro al mastello, perché quel che rimane fuori non sarà ritirato. 

Negli incontri coi cittadini il "guru dei rifiuti", che è costato al Comune 35.439,51 euro di consulenza, ha promesso rigore e sanzioni per chi differenzia in modo scorretto e per chi lascia sacchetti fuori dal mastello grigio. Ma come si dimostra che quel sacchetto appoggiato vicino al mio mastello sia davvero mio e non di un "furbetto"?

Dal 2018 non viene più riconosciuto l'Ecobonus. Chi conferisce all'isola ecologica non si vedrà più riconoscere nessun contributo sulla fattura dell'anno successivo. Intanto l'orario dell’isola ecologica è stato modificato. In passato l'orario era 7.00-19.00. Adesso si va a giorni alterni con mattina o pomeriggio, mentre sabato e domenica c'è orario continuato. Prima di partire è bene dare un'occhiata agli orari.

Per la raccolta di sfalci e potature ancora niente di chiaro. Per ora resta invariata e senza costi aggiuntivi. Quando saranno distribuiti i contenitori per la raccolta, cambierà calendario e il servizio passerà a pagamento per chi lo usa.

PD Cascina

redazione.cascinanotizie