Rinnovata la convenzione fra Consorzio e Comune di Calci

Calci
Giovedì, 7 Giugno 2018

Si rinnova la convenzione tra Comune di Calci e Consorzio Basso Valdarno per interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria sui corsi d’acqua nella parte montana del territorio.

La prima convenzione tra il Comune di Calci e il Consorzio 4 Basso Valdarno è stata siglata nel corso del 2017 con lo scopo di impiegare le alte professionalità del personale del cantiere forestale nelle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dei corsi d’acqua, con particolare riguardo alle opere idrauliche e di bonifica che ricadono all’interno del territorio comunale a per le quali il Consorzio svolge un’attività di “sorveglianza” non rientrando nel reticolo manutentivo attribuitogli dalla Regione Toscana.

Nel corso dell’anno numerosi sono stati gli interventi effettuati dal personale alle dipendenze del Comune: ripuliture degli alvei, taglio di alberi caduti che ostruivano il regolare deflusso delle acque, taglio della vegetazione rampicante che recava instabilità ai fusti arborei, realizzazione di palificate e staccionate in legno, ripristino di 5 briglie in pietra, ricavatura di un salto di briglia con relativa rampa d’accesso e briglia morta e il taglio programmato di circa 20 piante adulte.

Un intervento particolare di prevenzione, anche in relazione alla popolazione potenzialmente interessata dai cedimenti, è stato eseguito sul Rio Calzerone, un corso d’acqua che se pur nel suo breve tratto presenta una profondità di ripa che nell’ultima parte sfiora anche i 7 metri, fittamente ricoperto di vegetazione composta da querce, frassini e altre essenze di legno bianco che sfiorano i 20 metri di altezza, posizionata sia sulle sponde che nella parete riparia. Inoltre, il ripristino delle cinque briglie realizzate secondo consolidati metodologie di costruzione e di manutenzione dalle maestranze forestali, hanno garantito una tenuta “storica” dell’area.

Questi interventi hanno riguardato quasi tutte le aste fluviali che scorrono a monte del paese: il Botro Venezia di Rezzano, il Vallino di Nicosia, il Vallino di Crespignano, il Vallino di Val di Rio di Sopra, il Vallino della Sughera, Vallino di Villa, il Botro di Riseccoli, il Botro di S. Donato, il Botro della Fonte del Porco, il Botro degli Omberaldi, il Vallino delle Valli, il Vallino di Fonte a Noce e il Botro S. Pietro, oltre al Rio Calzerone sopra citato.

Visti gli ottimi risultati ottenuti nell’anno passato, il Comune di Calci e il Consorzio Basso Valdarno rinnovano la Convezione anche per il 2018 per un importo di 60mila euro diviso in due tranche da 30mila euro ciascuna, la prima subito disponibile mentre la seconda, inanziata con ribassi e residui di bilancio, sarà disponibile a partire da luglio. L’intero ammontare stanziato dal Consorzio sarà utilizzato dal Comune per effettuare lavori di manutenzione nel tratto montano mediante l’impiego delle maestranze forestali attualmente in forza all’amministrazione comunale; la scelta degli interventi da eseguire, stabiliti congiuntamente dai tecnici dei due enti e progettati dal personale del Consorzio, seguirà la falsa riga utilizzata nel corso del 2017, e valutata in base alle esigenze o alle segnalazioni dei cittadini. 

Il Sindaco di Calci, Massimiliano Ghimenti, dichiara: “Siamo molto contenti perché abbiamo dimostrato, tutti insieme, che la sinergia fra soggetti pubblici è premiante e può portare ad una gestione ottimale di risorse e interventi strategici. Per la nostra Amministrazione la prevenzione idraulica ed idrogeologica sono prioritarie, e lo stiamo dimostrando. L’elenco delle aste oggetto d’intervento dimostra nei fatti l’attenzione a tutto il territorio. Attenzione che si somma agli interventi di ricavatura di tutti i fossi in uscita dal paese che sono stati realizzati dal Consorzio sul nostro territorio durante questo mandato”

Il Commissario Straordinario del Consorzio 4 Basso Valdarno, Fabio, Zappalorti, sottolinea: “Convenzioni come quella che stiamo rinnovando dimostrano ampiamente l’interesse che il Consorzio ha verso tutto il territorio consortile che, “curato” e mantenuto, garantisce la salvaguardia idraulica. Le alte professionalità delle maestranze forestali gestite dal Comune e dei tecnici del Consorzio sono la garanzia di lavori fatti “a regola d’arte”, sinonimo di protezione ambientale e sicurezza per la popolazione”.

redazione.cascinanotizie