Siena - Pisa, l'anteprima

PISA e Provincia
Mercoledì, 7 Novembre 2018

Neanche il tempo di metabolizzare la seconda sconfitta in campionato che il Pisa si ritrova nel bel mezzo del suo tour de force lontano dall’Arena Garibaldi rendendo visita al Siena, squadra che ha cercato la serie B per tanti, troppi mesi, ma che adesso sta vivendo un momento di grande difficoltà tanto che mister Mignani non sembra più così saldo sulla propria panchina ed una sconfitta potrebbe dargli anche lo scossone finale.

In casa nerazzurra si devono fare i conti con l’assenza di Liotti per squalifica e quella di Moscardelli per infortunio, fermo restando il 352, D’Angelo schiererà in porta Gori, sulla linea di difesa l’unico sicuro di una maglia è Brignani, che potrebbe essere affiancato da Masi e Buschiazzo. A centrocampo Birindelli e Lisi saranno gli esterni di destra e di sinistra, con Gucher in mezzo e De Vitis e Marin al suo fianco. In avanti Cernigoi potrebbe ritrovare una maglia da titolare con Masucci al suo fianco.

La situazione in casa bianconera non è delle più rosee, e in quel di Siena si attende la sfida con i nerazzurri per intraprendere la strada del riscatto. La vicenda ripescaggio ha svuotato, in questo inizio di stagione, le energie nervose ai ragazzi di Mignani che, complici anche alcuni infortuni, sono ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale. Per il derby con il Pisa l’allenatore si affiderà al 442 con il rombo di centrocampo. In porta l’ex Pontedera Nikita Contini, che con Gori andrà a dar vita ad una sfida fra i giovani numero uno più promettenti della serie C. In difesa a destra ci sarà Brumat, a sinistra Zanon, mentre in mezzo andranno i “quasi omonimi” Rossi e Russo. Sulla mediana spazio a Gerli, mentre a dettare i tempi della manovra ci saranno Vassallo e Arrigoni con Aramu vertice del centrocampo. In avanti Mignani potrebbe affidarsi alla coppia GilozziFabbro. Solo nel caso di un recupero in extremis di Guberti il Siena potrebbe schierarsi con il 433 con Fabbro che scalerebbe in panchina e Aramu che avanzerebbe di una ventina di metri sul fronte offensivo (per sapere tutto sulla squadra bianconera clicca qui e leggi l'articolo scritto da Gabriele Bianchi per "Il Pisa siamo noi")..

A dirigere la gara una terna tutta pugliese con alla guida Luigi Carella di Bari. Assistenti Giovanni Mittica anch’egli di Bari e Mattia Politi di Lecce. Due precedenti con il Pisa entrambi nella scorsa stagione e all’Arena Garibaldi: Pisa-Prato e Pisa-Olbia, due vittorie con lo stesso punteggio, 2-0.

I precedenti nella città del Palio, sono 24: 8 le vittorie dei bianconeri, 12 i pareggi e 4 le vittorie del Pisa che ha segnato 28 reti e ne ha subite 35.

L’ultima vittoria dei nerazzurri risale ai tempi in cui lo stadio senese era conosciuto come “il Rastrello”, nome antecedente all’intitolazione dell’impianto ad Artemio Franchi. Correva la stagione 1976/77 ed il 7 novembre, guardate che coincidenza, i nerazzurri allenati da Graziano Landoni vinsero 3-2 non senza qualche patema d’animo. Il Pisa, in vantaggio al 24’ con Cappanera, chiude il primo tempo sul 2-0 grazie anche al goal di Colusso, centrocampista nato a Sidney, primo giocatore australiano (una presenza in nazionale) a giocare nel campionato Italiano. Nella ripresa Barbana a 3’ dal termine arrotonda il punteggio; partita finita? Niente affatto, il Siena mette la palla al centro e segna due reti in 60” con Noccioli e Colombi, facendo trattenere il fiato ai tifosi nerazzurri che, al fischio finale del signor Ponzano di Alessandria, tirano un sospiro di sollievo. Il Pisa chiuderà quella stagione al quinto posto in classifica, dietro la Pistoiese, promossa in serie B, il Parma, lo Spezia e la Lucchese. La formazione di quella sfida di 42 anni fa era composta da: Doveri, Della Bianchina, Schiaretta, Baldoni, Scotto, Luperini, Barbana, Cappanera, Di Prete, Colusso, Vinciarelli.

La partita sarà trasmessa a partire dalle 20 nel corso di Radio Pisa Diritto di Cronaca su Punto Radio Cascina 91.1-91.6 FM. Il programma, curato da Massimo Corsini, Paolo Sardelli, e Gabriele Bianchi, può anche essere ascoltato su puntoradio.fmcascinanotizie.it oppure scaricando l’app gratuita Puntoradio Cascina, da App Store (dispositivi Apple) o Google Play (dispositivi Android)

massimo.corsini