Teatro Era di Pontedera, due giorni con "Yorik", il 13 e 14 ottobre

Pontedera
Giovedì, 11 Ottobre 2018

Nell'ambito dei 10 anni Teatro Era, Leviedelfool, con la regia e l'interpretazione di Simone Perinelli, presentano il nuovo spettacolo Yorick – Un Amleto dal sottosuolo in prima nazionale al Teatro Era (13 – 14 ottobre 2018 / sabato ore 21 e domenica ore 17.30). 

A quarant’anni dalla legge Basaglia del 13 maggio 1978, che rappresentò una svolta a livello sanitario con il superamento della logica manicomiale, è in scena Yorick che parte dal presupposto che c’è una linea che divide il cervello in due emisferi. Una linea che separa il bene dal male, il sano dal malato, ciò che è consentito dire e ciò che è meglio tacere. 

Yorick, il Fool per eccellenza, il buffone di corte di re Amleto è morto e le sue parole non ci sono pervenute se non sotto forma di una sfida: immaginarle.  

Una produzione Fondazione Teatro della Toscana, Leviedelfool. 

“C’è una linea che divide il cervello in due emisferi. Una linea che separa il bene dal male, il sano dal malato, ciò che è consentito dire e ciò che è meglio tacere.

C’è una linea che è confine e divide le onde del mare: una linea che è frontiera.

C’è una linea che separa il presente dal ricordo e c’è un confine in ognuno di noi che separa l’abisso dell’irrazionale dalle fortezze costruite dalla ragione.

C’è una linea che separa i vivi dai morti.

Amleto, atto V scena I. Un cimitero qualsiasi in Danimarca. Scavando la fossa per Ofelia viene ritrovato il teschio che un tempo fu Yorick, il buffone di corte di re Amleto.

Svegliato dal “lungo sonno”, interpellato dal dramma, Yorick assiste dal sottosuolo allo spettacolo che si sta svolgendo proprio sopra di lui e intanto ci racconta il sottosuolo, il non visibile, ciò che si nasconde alla ragione umana, ciò che di solito riemerge nei sogni.

Il sottosuolo di Yorick è uno spazio abitato dall’immaginazione, da un pensiero che è obliquo più che retto, da quei poeti definiti pazzi dall’altra versione dei fatti.

Il sottosuolo si nutre dello scorrere eterno del dramma in superficie.

Non è più il luogo della morte, ma quello della follia, dello sguardo sull’abisso.

C’è una linea.

Il tempo passa e i significati aldilà delle linee cambiano: quello che per un greco antico era un “invasato dal dio”, per un medievale un “posseduto dal demonio”, per la scienza psichiatrica diventa un “malato”.

Il tempo passa e i matti che una volta venivano allontanati via mare e affidati all’acqua, vengono rinchiusi. Il mare, metafora dell’instabile e dell’inquietante, diviene pozzanghera della terra e le sue onde divise in acque territoriali per delimitare anche sull’instabile le proprietà dell’uomo.

L’inconscio, eterna creazione di forme, diviene landa deserta da conquistare e civilizzare e la follia, figura cosmica, trasformata in difetto della ragione.

Così in questo orizzonte reso piatto e arido dalla pscicoanalisi e dalla psichiatria con il loro vano tentativo di codificare l’anima attraverso un balbettìo di schemi, sintomi ed elenchi, ci sono ancora poche imbarcazioni che hanno l’ardire di salpare, oltrepassando confini, come se questi non esistessero realmente.

Sono matti, poeti o semplicemente immigrati clandestini.

Sono navi che trasportano anime pericolose perché a comandarle è una voce interiore che esce da un altoparlante di bordo. La voce di un teschio che si dice che un tempo fosse in grado di farci vedere dentro a quel fondo inesplorato e capace di scherzare su tutto, persino sulla morte.”

Simone Perinelli

Sabato 13 e domenica 14 ottobre alle ore 19 proseguono le repliche di Michele Santeramo con il nuovo allestimento di Storia D’Amore e di Calcio, con la regia dei documentari di Vito Palmieri. Nel primo campionato mondiale di calcio clandestino si legano storie di calcio e amore di paese.  

I protagonisti sono persone di cui mai si sentirà parlare. La piazza della quale si racconta non sarà mai sui giornali, eppure contiene ogni sera il pulsare profondo delle vite di quelle poche persone che spendono il tempo a inseguire sogni, perderli, innamorarsi, perdere. 

Una produzione Fondazione Teatro della Toscana. 

 

BIGLIETTI

Spettacoli 10 ANNI TEATRO ERA

Intero € 12,00 - Ridotto € 10,00 - Studenti € 8,00

Promozione per chi vede Yorick + Storia d'amore e di calcio nella stessa serata: biglietto unico € 16,00

RIDUZIONI

Under 18 e over 60, soci Unicoop Firenze, CTT Nord, Arci e altre associazioni convenzionate.

(fonte ufficio stampa)

luca.doni