Torna Acque Tour, educazione ambientale a scuola

Pontedera
Martedì, 4 Settembre 2018

Il 5 settembre a Pontedera l’incontro con gli insegnanti per illustrare contenuti e modalità di adesione al progetto gratuito, giunto alla sua 17esima edizione.

Come fa l’acqua potabile ad arrivare nelle nostre case? Quali sono le sue caratteristiche? Perché è buona da bere? E ancora: dove finisce quella che utilizziamo e in che modo ritorna all’ambiente? A queste e a tante altre domande si propone di dare risposta Acque Tour, progetto di educazione ambientale che Acque SpA, gestore idrico della Valdera e del Basso Valdarno, mette gratuitamente a disposizione delle scuole nel territorio gestito. L’obiettivo è quello di diffondere tra gli “adulti di domani” la conoscenza degli aspetti naturali e tecnologici del ciclo idrico, di accrescere la consapevolezza del valore dell’acqua, di aiutarli a promuovere una cultura di rispetto e salvaguardia di un bene primario. Giunto alla 17esima edizione, Acque Tour ogni anno coinvolge circa 5mila studenti, dalla materna alle superiori.

A Pontedera, mercoledì 5 settembre alle ore 15, presso la Saletta Carpi di via Valtriani, si terrà un incontro aperto a tutti gli insegnanti per illustrare nel dettaglio i contenuti e le modalità di partecipazione al progetto, che si articola in laboratori e lezioni in classe, gite naturalistiche, visite guidate agli impianti e agli acquedotti, sempre condotte da esperti del settore. Le centrali idriche di Bientina, Montecalvoli e La Rosa, la sorgente Badia a Cascine di Buti, il depuratore di Pontedera sono solo alcuni esempi degli “impianti aperti” alle scuole partecipanti. Ad Acque Tour è inoltre abbinato il premio “Buona da Bere”, dedicato alle classi che nel corso dell’anno hanno realizzato i migliori elaborati sul tema della risorsa idrica.

La partecipazione ai percorsi didattici è completamente gratuita per le prime 300 richieste. Le adesioni, da quest’anno, potranno essere effettuate direttamente, online andando sul sito, a partire dal 24 settembre fino al 1 ottobre. Il coordinamento del progetto è affidato all’Associazione La Tartaruga, contattabile dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 al numero 0587 53175.

massimo.corsini