Unione Valdera, presentato il PAE. Il fabbisogno energetico potrebbe calare del 15%

Pontedera
Giovedì, 20 Settembre 2018

Presentato mercoledì 19 settembre nella sala consiliare dell’Unione Valdera il PAE, ovvero il Piano di Azione Energetico di area, uno strumento programmatico che interessa tutti i comuni dell’Unione.

Oltre al sindaco Arianna Cecchini, sindaco delegato alle politiche ambientali dell’Unione e a Samuela Cintoli, responsabile del SUAP Valdera ad illustrare nel dettaglio il Piano era presente il Paolo Alderigi del Polo Tecnologico di Navacchio, che ha curato la stesura del documento insieme alla società Ambiente di Carrara.

Il PAE rappresenta una vera e propria rivoluzione per il territorio dell’Unione e interesserà da vicino aziende e professionisti che avranno tra le mani un unico strumento comune a tutti e sette i Comuni dell’Unione Valdera per pianificare i propri progetti nell’ottica del risparmio energetico.

Come spiegato nel dettaglio da Alderigi, prima di approntare il PAE è stato fatto un attento studio dei consumi energetici a livello di area, includendo quelli residenziali e produttivi, oltre che il trasporto pubblico e i dati ricavati dalle amministrazioni locali.

Lo studio ha evidenziato che i consumi della zona Unione Valdera sono in linea con quelli nazionali e sono imputabili per la maggior parte alla struttura e all’utilizzo degli edifici, sia residenziali che lavorativi. Da questa fotografia della situazione attuale si è partiti per studiare un Piano di Azione incentrato sul reale fabbisogno energetico della nostra zona, sulla riduzione dei consumi e sulle fonti rinnovabili da utilizzare, ed eventualmente incentivare, per produrre nuova energia.

Il PAE ha identificato chiaramente quali possano essere le azioni da mettere in campo per ridurre il fabbisogno energetico ed è stato sottolineato come si possa fare molto ad esempio nel campo dell’edilizia. L’attuazione del PAE potrebbe portare, secondo una stima molto attendibile ad un risparmio energetico per i comuni dell’Unione Valdera del 10%-15% annuo. Un risparmio notevole e protratto nel tempo.

Per questo motivo la sindaca, Arianna Cecchini, ha fatto capire, senza giri di parole, che servono impegni concreti e comuni per attuare una strategia che, ancora una volta, permetta all’Unione Valdera di precorrere i tempi e di anticipare le direttive europee: Un altro passo avanti verso una visione di area che guarda al futuro; dopo il regolamento edilizio unitario per i Comuni facenti parte dell'Unione, l'avvio del Piano Strutturale Intercomunale, adesso l'unione si è dotata del Piano di Azione Energetico. Il passo successivo sarà l'adesione al Patto dei Sindaci  ed a seguire i Piani di Azione locali".

A conclusione dell’incontro la sindaca Cecchini, sollecitata dagli imprenditori presenti e dai rappresentanti degli ordini professionali, ha lanciato l'idea di istituire dei tavoli tematici di lavoro sui singoli temi in cui le istituzioni, le imprese, i professionisti possano favorire Piani di Azione locali condivisi e realizzabili nel medio periodo. Proposta accolta con favore da tutti i presenti.

Fonte Ufficio stampa Unione Valdera

redazione.cascinanotizie