Utopia del Buongusto, spettacoli con cena dal 1 al 3 agosto: da Vicopisano a Pontedera

Cultura e Tempo Libero
Vicopisano
Venerdì, 31 Luglio 2020

Sabato 1 agosto alle 21,30 in Località Il Frantoio di Vicopisano (Pisa) Guascone Teatro presenta “Ogni fuga è un’arte”. Di e con Andrea Kaemmerle e con Ras Kornica (violino), Ivo Andreevic (fisarmonica), Branka Ceperac (contrabbasso), Danko Jugovic (sax e clarinetto).

Cena in luogo alle 20 ad euro 20,00. Dalle 19,00 speciale aperitivo degustazione con i prodotti del frantoio. Da non perdere: i  prodotti del frantoio (tra i quali il vino e olio della cena) e la vista panoramica mozzafiato sulla torre del Brunelleschi. Ingresso allo spettacolo euro 8. Informazioni e prenotazioni al 3280625881 o al 3203667354.
Lo spettacolo - Scatenati, vulcanici e sempre sorprendenti tornano i pazzi della banda balcanica di Kaemmerle. Sodalizio con 20 anni di successi per mezzo mondo per innumerevoli serate di teatro, musica e filosofia. Tornano con uno spettacolo spumeggiante, “Ogni fuga e' un'arte” è un omaggio poetico e letterario sulla capacità molto umana di darsela a gambe! A gambe levate! Evitare scontri e conflitti regalandosi un'assenza. Venire a mancamento. Allegria, comicità, capacità di dissacrare paure e debolezze facendo sognare nuove possibilità: un omaggio a tutti quegli umani che senza vergogna hanno scelto la fuga. Il 90% degli animali usa la fuga come migliore metodo di difesa e sopravvivenza. Lo spettacolo è un divertentissimo aiuto a migliorarsi le giornate. Musica di altissimo livello e la comicità straripante di Kaemmerle sono garanzia di godimento per testa e cuore.
 
 
Domenica 2 agosto alle 21,30 al Parco Eudora, Cenaia (Pisa), in Via Vittorio Veneto, 103/b, LST Teatro propone “Il paese più sportivo del mondo”. Testo e regia di Manfredi Rutelli. Con Lorenzo Bartoli e Alessandro Waldergan. Dai racconti di Riccardo Lorenzetti. Luci di Simone Beco. 
Cena in luogo alle 20 ad euro 20,00. Da non perdere: una visita nel parco del Centro Benessere Eudora. Ingresso allo spettacolo euro 8. Informazioni e prenotazioni al 3280625881 o al 3203667354.
Lo spettacolo - Esiste un piccolo paese, da qualche parte in Toscana, che non ha un nome. Sappiamo che lo chiamano “il paese più sportivo del mondo”, ed a pensarci bene il nome non è affatto importante. Perché importanti sono, in realtà, i personaggi che lo abitano. Che gli danno colore e spessore. Che raccontano storie alle quali non sarà difficile affezionarsi, perché sono storie che parlano di noi. Ci raccontano nel profondo di come siamo e, forse, anche di come vorremmo e dovremmo essere. Lo sport, e la sua epica fiammeggiante, è il veicolo ideale per capire cosa succede in questo piccolo paese: dal biliardo alle corse campestri per bambini. È un mondo in miniatura dove ha ancora un senso l’amicizia e la parola data. Dove i rapporti umani sono lì, belli e intangibili, con le loro contraddizioni, i loro litigi ma anche con la consapevolezza che siamo uomini. E, come tali, destinati a vivere insieme alla gente, che notoriamente ha pregi e anche difetti. Ma sempre meglio che chiudersi dentro una torre d’avorio.
 
 
Lunedì 3 agosto alle 21,30 a Villa Crastan, Pontedera (Pisa), in Via della Stazione Vecchia, 3, Pilar Ternera presenta “Like”. Di Francesco Niccolini e Stefano Santomauro che lo interpreta. Regia di Daniela Morozzi. 
Cena in luogo alle 20 presso la Gastronomia del Caffè Giannini ad euro 20,00. Altrimenti, Cena Dinner Box a cura della stessa Gastronomia Giannini ad euro 12,00 (Ovvero prenota la tua dinner box, porta un plaid e vieni a mangiarla con noi nel parco della villa). Da non perdere: una visita alla città della Piaggio e uno sguardo più attento al Muro di Baj, suo testamento artistico, esposto alla biennale di Venezia 2012. Ingresso allo spettacolo euro 8. Informazioni e prenotazioni al 3280625881 o al 3203667354. 
Lo spettacolo - Comunicare è diventato più semplice, più veloce, più efficace. La tecnologia ci ha cambiato la vita e cos’ha voluto in cambio? Tutto. Gli studiosi della Columbus University calcolano che arriviamo a toccare il nostro smartphone 4000 volte nell’arco della giornata per un totale di più di 6 ore. Numeri impressionanti. Le nevrosi del nuovo millennio sono servite: sentire squillare il cellulare anche quando non lo fa, entrare nel panico se non si ha rete, svegliarsi la notte e controllare se sono arrivate notifiche. Sono questi, e molti altri, gli spunti che Stefano Santomauro e Francesco Niccolini hanno sviscerato e attraversato per poterli servire in questo monologo divertente e cinico allo stesso momento. L’abilità narrativa di Santomauro è straordinaria e, grazie al suo tipico tocco surreale, riesce a far di Like uno spettacolo che non lascia indifferenti. La regia è affidata all’attrice Daniela Morozzi che chiude un team davvero notevole. Con questo testo ha vinto il Kilowatt Festival – l’Italia dei Visionari (sezione Como) e ha partecipato al prestigioso Torino Fringe Festival 2018

redazione.cascinanotizie